Quanto dura un pavimento in resina?

La resina si caratterizza per la sua continuità e impermeabilità qualità che la rendono particolarmente indicata per ambienti come ospedali e industrie alimentari, dove è previsto un elevato transito di persone e il passaggio di macchine da lavoro (carrelli, muletti).

I pavimenti in resina sono protettivi del supporto ai quali si conferiscono proprietà tecniche aggiuntive, funzionali ed estetiche. In questo senso, i rivestimenti in resina sono fatti per prolungare la vita del supporto che lo riceve e di conseguenza anche del pavimento e della struttura in calcestruzzo o in acciaio presente. Presi singolarmente, la loro vita dipende dall'uso o dall'usura ai quali sono sottoposti e dalla manutenzione che è stata programmata.
Il massetto epossidico rappresenta il pavimento in resina più duraturo. Caratterizzato da un'elevata resistenza, sia meccanica che all'abrasione, è indicato per i pavimenti di quei luoghi come industrie meccaniche e magazzini ad alto traffico di mezzi. Viene utilizzato inoltre per il ripristino di pavimentazioni usurate, anche in maniera consistente, e permette il recupero di pendenze e avvallamenti per ottenere una superficie assolutamente piana, ideale per i magazzini meccanizzati. La superficie del massetto epossidico può avere finitura liscia o antisdrucciolo, con colorazione a scelta.

Nel campo navale, la qualità dei ponti in resina API sono testimonianza dalla cinquantennale esperienza dell’azienda in ambito militare. Per le navi passeggeri, esistono ponti con più di vent’anni di vita che sono ancora nuovi all’aspetto, grazie a semplici ed efficaci tecniche di mantenimento (vedi sopra) che li rendono pressoché inalterati. Oltre alle proprietà meccaniche, è da fare notare la loro particolare resistenza agli ultravioletti.

Seguici sui social

Se vuoi maggiori informazioni o se vuoi ricevere le schede tecniche dei prodotti Api, compila questo modulo. Ti ricontatteremo il prima possibile.

Seguici sui social